3 tecniche che non funzionano più su Facebook

facebook-65051_1280

Nel post della volta scorsa abbiamo visto quali sono le cose importanti che un imprenditore dovrebbe sapere su Facebook e quali informazioni deve conoscere per costruire una strategia di social media marketing efficace.

Oggi invece vogliamo parlarti di un altro aspetto da tener presente su Facebook: le tecniche che non ha più senso usare perché diventate fastidiose e superate.

Eccole qui.

  1. Postare il contenuto di una persona o di una pagina con tanti fan e citarla nella speranza che ti dia visibilità

L’abbiamo visto fare tantissime volte, soprattutto dalle pagine aziendali poco conosciute con la speranza di avere nuovi fan. Si tratta di condividere il contenuto di qualcuno di famoso e citarlo nel post cosicché gli questo qualcuno se ne accorga e decida di condividere a sua volta il tuo post.

Ecco, gli influencer e gli esperti non sono stupidi: sanno bene che a te interessa essere più visibile, quindi, a meno che tu non gli stia super simpatico (difficile, se non ti conosce), questa persona non farà nulla, al massimo un “mi piace” sul post. E poi, pensa a chi c’è dall’altra parte. Se tu fossi un marchio affermato, sei proprio sicuro che vorresti essere collegato a determinate pagine presenti su Facebook?

  1. Condividere un contenuto senza aggiungere il tuo punto di vista

Soprattutto una volta, la tendenza su Facebook era quella di pubblicare una foto o condividere un link così com’era, senza esprimere il proprio parere sulla questione.

Oggi le cose sono diverse. Le persone vogliono sapere di più. Vogliono conoscere chi c’è dietro ad un’azienda, scoprirne il lato umano, potersi identificare in quel marchio.

Aggiungere una foto alla propria pagina senza spiegare il perché di quello scatto, postare un articolo senza dire perché chi ti segue dovrebbe leggerlo è un’occasione persa di farsi vedere e farsi amare dai propri lettori.

  1. Chiedere ad amici e dipendenti di condividere il tuo contenuto

La tua pagina Facebook ha un calendario editoriale da sballo e il tuo desiderio è quello che tantissime persone vedano quello che hai scritto, facciano commenti, esprimano il loro interesse. Così, nella speranza di veicolare il contenuto ad un maggior numero di persone, hai chiesto ad altri contatti, magari i tuoi dipendenti, di condividerlo sul loro profilo.

Il problema? Metti l’altro in una posizione davvero imbarazzante. Ognuno di noi deve sentirsi libero di poter scegliere cosa condividere e cosa no, senza la paura di sentirsi giudicato o a disagio.

Lavora sulla qualità dei tuoi contenuti, vedrai che le persone lo condivideranno in maniera spontanea.

Largo alla creatività. Divertiti a sperimentare

Su Facebook non ci sono regole prestabilite, strategie che funzionano comunque, tattiche super efficaci.

Dai il via libera alla fantasia senza dimenticarti del tuo pubblico. Di quello che vorrebbe conoscere del tuo lavoro. Di come puoi fare per essergli utile.