Facebook ha cambiato algoritmo (di nuovo)

algoritmo-facebook

Se nelle ultime due settimane hai notato che le visualizzazioni sulla tua pagina aziendale sono diminuite, tranquillo, è tutto normale. Facebook ha di nuovo cambiato le carte in tavola, comunicando degli aggiornamenti nel suo algoritmo.

Nel nostro post di oggi vediamo il perché di questa scelta e quali sono le cose importanti da sapere. L’articolo completo, in inglese, lo trovi qui.

Una premessa

Prima di crogiolarsi e pensare che Facebook ce l’abbia con le aziende e che il suo unico obiettivo sia quello di obbligarle a fare pubblicità, dobbiamo ricordare che Facebook nasce con uno scopo ben diverso: mantenere le relazioni fra le persone. Quando è stato lanciato il primo News Feed (per intenderci il flusso di notizie che vedi dal tuo account), le sponsorizzazioni erano praticamente inesistenti, si potevano leggere gli aggiornamenti di stato degli amici vicini e lontani, postare foto, chiacchierare con persone conosciute ad una festa durante il weekend.

Ecco, Facebook sente l’esigenza di conservare tutto questo e di ridargli l’importanza che merita: se le persone smettono di frequentare e di interagire sul social, non ha più senso tutto il resto, pagine aziendali, Facebook Ads a compagnia bella.

Più importanza ai post di amici e familiari

Se è vero, come è vero, che il principio guida di Facebook è quello di connettere le persone con i loro amici e familiari, il nuovo algoritmo agisce mettendo al primo posto del News Feed le notizie delle persone che sono nostre amiche.

In sostanza, vedremo prima quello che hanno postato le persone per noi più importanti e poi gli aggiornamenti delle pagine aziendali. Ad esempio: se abbiamo l’abitudine di seguire quello che scrive una certa persona, ad esempio nostra sorella, l’algoritmo imparerà che per noi quella persona è importante e metterà i suoi post in cima alla lista in modo da non perderci i suoi post mentre eravamo scollegati.

Notizie più personalizzate

Face book ha deciso di dare più rilievo a quello che le persone scelgono di seguire. Ci sono alcuni iscritti che si divertono a vedere i video in diretta dei loro beniamini, altri che usano Facebook per informarsi, leggendo le notizie delle principali testate giornalistiche.

Con il nuovo aggiornamento Facebook ognuno di noi avrà un News Feed personalizzato, che proporrà un flusso di notizie in linea con l’atteggiamento che abbiamo sulla piattaforma.

Gestione dei contenuti per una comunicazione autentica

Facebook ci tiene a sottolineare la sua attenzione alla user-experience e alla conseguente soddisfazione degli iscritti alla piattaforma. Ecco perché ha introdotto, già da diverso tempo a dire il vero, alcune funzionalità come “non seguire più tizio”, “nascondi post”, “attiva le notifiche per questo post” e la possibilità di esprimere le preferenze della sezione notizie.

Questo per far vivere alle persone un’esperienza più autentica, più in linea ai loro interessi e valori.

Cosa possono fare le aziende

Sei spaventato da tutti questi cambiamenti e pensi che Facebook stia esagerando? Calma, ecco alcuni esempi da mettere in pratica per migliorare l’attività della tua pagina aziendale:

  • prenditi cura degli interessi delle persone e di quello che vogliono sapere su un determinato argomento;
  • punta ancora di più sui contenuti di qualità, se ti serve una mano ci siamo qui noi ad aiutarti;
  • alterna le tipologie di post, se ne hai la possibilità, fai dei video;
  • non investire tutto su Facebook, ma cerca di diversificare: fai dell’email marketing, prevedi una campagna di posizionamento naturale su Google, investi in altre forme di pubblicità;
  • prevedi del budget, anche piccolo, per sponsorizzare i tuoi post su Facebook ad una nicchia specifica di persone;

Una considerazione finale: invece di agitarti e puntare il dito su Zuckerberg, chiediti se la tua azienda ha voglia e tempo di costruire relazioni su Facebook, non devi esserci “perché ci sono tutti”, altri prima di te hanno detto addio alla piattaforma.